Logo_LAMP_02
Lampada ai miei passi è la tua parola

 

Questo sito web utilizza i cookies
Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web. Se continui ad utilizzare il sito, assumiamo che tu accetti di ricevere i cookie da questo sito web

Lunedì 6 Dicembre 2021

home OK Multimedia
OK
Via Crucis
Testi di Sant'Alfonso Maria De Liguori  
 
OK


Clicca qui per visualizzare il libretto con i testi
OK

Canti a corredo

 

Ti saluto o Croce Santa

 
Ti saluto, o Croce santa,  
che portasti il Redentor;  
gloria, lode, onor ti canta  
ogni lingua ed ogni cuor.  
 
1. Sei vessillo glorioso di Cristo,  
sei salvezza del popol fedel.  
Grondi sangue innocente sul tristo  
che ti volle martirio crudel Rit.  
 
2. Tu nascesti fra braccia amorose  
d’una Vergine Madre, o Gesù.  
Tu moristi fra braccia pietose  
d’una croce che data ti fu.  
 
3. O Agnello divino, immolato  
sull’altar della croce, pietà!  
Tu, che togli dal mondo il peccato,  
salva l’uomo che pace non ha.  
 
4. Del giudizio nel giorno tremendo,  
sulle nubi del cielo verrai.  
Piangeranno le genti vedendo  
qual trofeo di gloria sarai.  
 
ArAr Quibz  
Origine  
OK

Stabat Mater dolorosa

 
Stabat Mater dolorósa  
iuxta crucem lacrimósa,  
dum pendébat Fílius.  
 
Cuius ánimam geméntem,  
contristátam et doléntem  
pertransívit gládius.  
 
O quam tristis et afflícta  
fuit illa benedícta,  
mater Unigéniti!  
 
Quae moerébat et dolébat,  
pia Mater, dum vidébat  
Nati poenas íncliti.  
 
Quis est homo qui non fleret,  
Matrem Christi si vidéret  
in tanto supplício?  
 
Quis non posset contristári,  
piam Matrem contemplári  
doléntem cum Fílio?  
 
Pro peccátis suae gentis  
vidit Iesum in torméntis,  
et flagéllis súbditum.  
 
Vidit suum dulcem Natum  
moriéndo desolátum,  
dum emísit spíritum.  
 
Eia, Mater, fons amóris  
me sentíre vim dolóris,  
fac ut tecum lúgeam.  
 
Fac ut árdeat cor meum  
in amándo Christum Deum,  
ut sibi compláceam.  
 
Sancta Mater, istud agas,  
Crucifíxi fige plagas  
cordi meo válide.  
 
Tui Nati vulneráti,  
tam dignáti pro me pati,  
poenas mecum dívide.  
 
Fac me tecum pie flere,  
Crucifíxo condolére,  
donec ego víxero.  
 
Iuxta crucem tecum stare,  
fac me tibi sociáre  
in planctu desídero.  
 
Virgo vírginum praeclára,  
mihi iam non sis amára,  
fac me tecum plángere.  
 
Fac ut portem Christi mortem,  
passiónis fac me sortem,  
et plagas recólere.  
 
Fac me plagis vulnerári,  
fac me cruce inebriári,  
et cruóre Filii.  
 
Flammis ne urar succénsus,  
per te, Virgo, sim defénsus  
in die iudícii.  
 
Fac me cruce custodíri,  
morte Christi praemuníri,  
confovéri grátia.  
 
Quando corpus moriétur,  
fac ut ánimae donétur  
Paradísi glória. Amen.  
OK

Gesù mio, con dure funi

 
Gesù mio, con dure funi come reo, chi ti legò?  
 
Rit. Sono stato io l'ingrato, Gesù mio, perdon, pietà.  
oppure  
Rit. Sono stati i miei peccati, Gesù mio, perdon, pietà.  
 
Gesù mio, la bella faccia chi crudele ti schiaffeggiò?  
 
Gesù mio, di fango e sputi chi il bel volto t'imbratto?  
 
Gesù mio, le sacre membra chi spietato ti flagellò?  
 
Gesù mio, la nobil fronte chi di spine ti coronò?  
 
Gesù mio, sulle tue spalle chi la croce ti caricò?  
 
Gesù mio, la dolce bocca chi di fiele t'amareggiò?  
 
Gesù mio, le sacre mani chi di chiodi ti trapassò?  
 
Gesù mio, gli stanchi piedi chi alla croce t'inchiodò?  
 
Gesù mio, l'amante cuore chi con lancia ti trapassò?  
 
O Maria quel tuo bel figlio chi l'uccise e lo straziò?  
 
 
Lauda penitenziale composta da S. Alfonso Maria de Liguori  
Cantata dal coro della Parrocchia di San Pietro a Nuraminis  
 
Origine  
 
2020-04-03
Copyright © 2018 Lampadaaimieipassi.it
mf4web_logow