Logo_LAMP_02
Lampada ai miei passi è la tua parola

 

Questo sito web utilizza i cookies
Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web. Se continui ad utilizzare il sito, assumiamo che tu accetti di ricevere i cookie da questo sito web

Venerdì 10 Luglio 2020

home OK Articoli
OK
Il "simbolo atanasiano" e la Santissima Trinità
Le parole di Sant'Atanasio per combattere l'arianesimo sono ancora utili oggi per capire meglio la nostra Fede  
 
OK

Icona della Trinità - Manuel Gervasini - Monastero delle Clarisse Colettine a Gand (Belgio)

Che cos'è il simbolo atanasiano

 
Il simbolo atanasiano (Quicumque vult) è un simbolo della fede che prende questo nome perché attribuito dalla tradizione cristiana al vescovo Atanasio di Alessandria (295-373). È significativo soprattutto per la dottrina trinitaria, che esso esprime in maniera forte per combattere l'arianesimo.  
 

Il simbolo atanasiano in italiano

 
Chiunque voglia salvarsi, deve anzitutto possedere la fede cattolica:  
Colui che non la conserva integra ed inviolata perirà senza dubbio in eterno.  
La fede cattolica è questa: che veneriamo un unico Dio nella Trinità e la Trinità nell'unità.  
Senza confondere le persone, e senza separare la sostanza.  
Una è infatti la persona del Padre, altra quella del Figlio, ed altra quella dello Spirito Santo.  
Ma Padre, Figlio e Spirito Santo sono una sola divinità, con uguale gloria e coeterna maestà.  
Quale è il Padre, tale è il Figlio, tale lo Spirito Santo.  
Increato il Padre, increato il Figlio, increato lo Spirito Santo.  
Immenso il Padre, immenso il Figlio, immenso lo Spirito Santo.  
Eterno il Padre, eterno il Figlio, eterno lo Spirito Santo  
E tuttavia non vi sono tre eterni, ma un solo eterno.  
Come pure non vi sono tre increati, né tre immensi, ma un solo increato e un solo immenso.  
Similmente è onnipotente il Padre, onnipotente il Figlio, onnipotente lo Spirito Santo.  
E tuttavia non vi sono tre onnipotenti, ma un solo onnipotente.  
Il Padre è Dio, il Figlio è Dio, lo Spirito Santo è Dio.  
E tuttavia non vi sono tre dei, ma un solo Dio.  
Signore è il Padre, Signore è il Figlio, Signore è lo Spirito Santo.  
E tuttavia non vi sono tre Signori, ma un solo Signore.  
Poiché come la verità cristiana ci obbliga a confessare che ciascuna persona è singolarmente Dio e Signore: così la religione cattolica ci proibisce di parlare di tre Dei o Signori.  
Il Padre non è stato fatto da alcuno: né creato, né generato.  
Il Figlio è dal solo Padre: non fatto, né creato, ma generato.  
Lo Spirito Santo è dal Padre e dal Figlio: non fatto, né creato, né generato, ma da essi procedente.  
Vi è dunque un solo Padre, non tre Padri: un solo Figlio, non tre Figli: un solo Spirito Santo, non tre Spiriti Santi.  
E in questa Trinità non v'è nulla che sia prima o dopo, nulla di maggiore o minore: ma tutte e tre le persone sono l'una all'altra coeterne e coeguali.  
Cosicché in tutto, come già detto prima, va venerata l'unità nella Trinità e la Trinità nell'unità.  
Chi dunque vuole salvarsi, pensi in tal modo della Trinità.  
Ma per l'eterna salvezza è necessario, credere fedelmente anche all'Incarnazione del Signore nostro Gesù Cristo.  
La retta fede vuole, infatti, che crediamo e confessiamo, che il Signore nostro Gesù Cristo, Figlio di Dio, è Dio e uomo.  
È Dio, perché generato dalla sostanza del Padre fin dall'eternità: è uomo, perché nato nel tempo dalla sostanza della madre.  
Perfetto Dio, perfetto uomo: sussistente dall'anima razionale e dalla carne umana.  
Uguale al Padre secondo la divinità:inferiore al Padre secondo l'umanità.  
E tuttavia, benché sia Dio e uomo, non è duplice ma è un solo Cristo.  
Uno solo, non per conversione della divinità in carne, ma per assunzione dell'umanità in Dio.  
Totalmente uno, non per confusione di sostanze, ma per l'unità della persona.  
Come infatti anima razionale e carne sono un solo uomo, così Dio e uomo sono un solo Cristo.  
Che patì per la nostra salvezza: discese agli inferi: il terzo giorno è risuscitato dai morti.  
È salito al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: e di nuovo verrà a giudicare i vivi e i morti.  
Alla sua venuta tutti gli uomini dovranno risorgere con i loro corpi: e dovranno rendere conto delle proprie azioni.  
Coloro che avranno fatto il bene andranno alla vita eterna: coloro, invece, che avranno fatto il male, nel fuoco eterno.  
Questa è la fede cattolica, e non potrà essere salvo se non colui che l'abbraccerà fedelmente e fermamente.  
Amen.  
 

Il simbolo atanasiano in latino

 
Quicumque vult salvus esse, ante omnia opus est, ut teneat catholicam fidem:  
Quam nisi quisque integram inviolatamque servaverit, absque dubio in aeternam peribit.  
Fides autem catholica haec est: ut unum Deum in Trinitate, et Trinitatem in unitate veneremur.  
Neque confundentes personas, neque substantiam separantes.  
Alia est enim persona Patris alia Filii, alia Spiritus Sancti:  
Sed Patris, et Fili, et Spiritus Sancti una est divinitas, aequalis gloria, coeterna maiestas.  
Qualis Pater, talis Filius, talis Spiritus Sanctus.  
Increatus Pater, increatus Filius, increatus Spiritus Sanctus.  
Immensus Pater, immensus Filius, immensus Spiritus Sanctus.  
Aeternus Pater, aeternus Filius, aeternus Spiritus Sanctus.  
Et tamen non tres aeterni, sed unus aeternus.  
Sicut non tres increati, nec tres immensi, sed unus increatus, et unus immensus.  
Similiter omnipotens Pater, omnipotens Filius, omnipotens Spiritus Sanctus.  
Et tamen non tres omnipotentes, sed unus omnipotens.  
Ita Deus Pater, Deus Filius, Deus Spiritus Sanctus.  
Et tamen non tres dii, sed unus est Deus.  
Ita Dominus Pater, Dominus Filius, Dominus Spiritus Sanctus.  
Et tamen non tres Domini, sed unus est Dominus.  
Quia, sicut singillatim unamquamque personam Deum ac Dominum confiteri christiana veritate compelimur: ita tres Deos aut Dominos dicere catholica religione prohibemur.  
Pater a nullo est factus: nec creatus, nec genitus.  
Filius a Patre solo est: non factus, nec creatus, sed genitus.  
Spiritus Sanctus a Patre et Filio: non factus, nec creatus, nec genitus, sed procedens.  
Unus ergo Pater, non tres Patres: unus Filius, non tres Filii: unus Spiritus Sanctus, non tres Spiritus Sancti.  
Et in hac Trinitate nihil prius aut posterius, nihil maius aut minus: sed totae tres personae coaeternae sibi sunt et coaequales.  
Ita ut per omnia, sicut iam supra dictum est, et unitas in Trinitate, et Trinitas in unitate veneranda sit.  
Qui vult ergo salvus esse, ita de Trinitate sentiat.  
Sed necessarium est ad aeternam salutem, ut incarnationem quoque Domini nostri Iesu Christi fideliter credat.  
Est ergo fides recta ut credamus et confiteamur, quia Dominus noster Iesus Christus, Dei Filius, Deus et homo est.  
Deus est ex substantia Patris ante saecula genitus: et homo est ex substantia matris in saeculo natus.  
Perfectus Deus, perfectus homo: ex anima rationali et humana carne subsistens.  
Aequalis Patri secundum divinitatem: minor Patre secundum humanitatem.  
Qui licet Deus sit et homo, non duo tamen, sed unus est Christus.  
Unus autem non conversione divinitatis in carnem, sed assumptione humanitatis in Deum.  
Unus omnino, non confusione substantiae, sed unitate personae.  
Nam sicut anima rationalis et caro unus est homo: ita Deus et homo unus est Christus.  
Qui passus est pro salute nostra: descendit ad inferos: tertia die resurrexit a mortuis.  
Ascendit ad caelos, sedet ad dexteram Dei Patris omnipotentis: inde venturus est iudicare vivos et mortuos.  
Ad cuius adventum omnes homines resurgere habent cum corporibus suis: et reddituri sunt de factis propriis rationem.  
Et qui bona egerunt, ibunt in vitam aeternam: qui vero mala, in ignem aeternum.  
Haec est fides catholica, quam nisi quisque fideliter firmiterque crediderit, salvus esse non poterit.  
Amen.  
 
 
 
Fonte: Wikipedia  
OK
 

Luce, splendore e grazia della Trinità

 
 
Dalle «Lettere» di sant’Atanasio, vescovo  
(Lett. 1 a Serap. 28-30; PG 26, 594-595. 599)
 
 
 
Non sarebbe cosa inutile ricercare l’antica tradizione, la dottrina e la fede della Chiesa cattolica, quella s’intende che il Signore ci ha insegnato, che gli apostoli hanno predicato, che i padri hanno conservato.  
 
Su di essa infatti si fonda la Chiesa, dalla quale, se qualcuno si sarà allontanato, per nessuna ragione potrà essere cristiano, né venir chiamato tale.  
 
La nostra fede è questa: la Trinità santa e perfetta è quella che è distinta nel Padre e nel Figlio e nello Spirito Santo, e non ha nulla di estraneo o di aggiunto dal di fuori, né risulta costituita del Creatore e di realtà create, ma è tutta potenza creatrice e forza operativa.  
 
Una è la sua natura, identica a se stessa. Uno è il principio attivo e una l’operazione.  
 
Infatti il Padre compie ogni cosa per mezzo del Verbo nello Spirito Santo e, in questo modo, è mantenuta intatta l’unità della santa Trinità.  
 
Perciò nella Chiesa viene annunziato un solo Dio che è al di sopra di ogni cosa, agisce per tutto ed è in tutte le cose (cfr. Ef 4, 6). È al di sopra di ogni cosa ovviamente come Padre, come principio e origine. Agisce per tutto, certo per mezzo del Verbo. Infine opera in tutte le cose nello Spirito Santo.  
 
L’apostolo Paolo, allorché scrive ai Corinzi sulle realtà spirituali, riconduce tutte le cose ad un solo Dio Padre come al principio, in questo modo: «Vi sono diversità di carismi, ma uno solo è lo Spirito; e vi sono diversità di ministeri, ma uno solo è il Signore; vi sono diversità di operazioni, ma uno solo è Dio, che opera tutto in tutti» (1 Cor 12, 4-6).  
 
Quelle cose infatti che lo Spirito distribuisce ai singoli, sono date dal Padre per mezzo del Verbo.  
 
In verità tutte le cose che sono del Padre sono pure del Figlio. Onde quelle cose che sono concesse dal Figlio nello Spirito sono veri doni del Padre.  
 
Parimenti quando lo Spirito è in noi, è anche in noi il Verbo dal quale lo riceviamo, e nel Verbo vi è anche il Padre, e così si realizza quanto è detto: «Verremo io e il Padre e prenderemo dimora presso di lui» (Gv 14, 23).  
 
Dove infatti vi è la luce, là vi è anche lo splendore; e dove vi è lo splendore, ivi c’è parimenti la sua efficacia e la sua splendida grazia.  
 
Questa stessa cosa insegna Paolo nella seconda lettera ai Corinzi, con queste parole: «La grazia del Signore Gesù Cristo, l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi» (2 Cor 13, 13). Infatti la grazia è il dono che viene dato nella Trinità, è concesso dal Padre per mezzo del Figlio nello Spirito Santo.  
 
Come dal Padre per mezzo del Figlio viene data la grazia, così in noi non può avvenire la partecipazione del dono se non nello Spirito Santo.  
 
E allora, resi partecipi di esso, noi abbiamo l’amore del Padre, la grazia del Figlio e la comunione dello stesso Spirito.  
 
 
 
 
2020-06-07
Copyright © 2018 Lampadaaimieipassi.it
mf4web_logow