Logo_LAMP_02
Lampada ai miei passi è la tua parola

 

Questo sito web utilizza i cookies
Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web. Se continui ad utilizzare il sito, assumiamo che tu accetti di ricevere i cookie da questo sito web

Sabato 12 Giugno 2021

home OK Articoli
OK
Venite a laudare
Canto tratto dal Laudario di Cortona (XIII sec.)  
 
OK

Laudario di Cortona

Venite a laudare

 
Venite a laudare  
per amore cantare  
l’amorosa Vergene Maria!  
 
Maria gloriosa, biata  
sempre sii molto laudata:  
preghiam ke ne si’avocata  
al tuo filiol, virgo pia!  
 
Pietosa regina sovrana,  
conforta la mente ch’è vana,  
grande medicina ke sana,  
aiutane per tua cortisia.  
 
Cortese, ke fai grandi doni,  
l’amor tuo [mai] non ci abandoni:  
pregànte che tu ne perdoni  
tutta la nostra villania.  
 
Villani peccatori semo stati  
amando la carne e li peccati;  
vidén ke n’à ‘l mondo engannati:  
defendane la tua gran bailia.  
 
Bailia ne dona e potentia,  
o madre, de far penitentia:  
volemo a te fare obedientia  
e stare a la tua signoria.  
 
Signoria k’afranchi lo core  
è la tua, madre d’amore!  
Se ‘l sapesse lo peccatore  
a te, donna, retornaria!  
 
Retorni a tua gran fidanza  
l'omo, cum grande speranza  
ke tu li farai perdonanza  
più k’a domandar non saperia.  
 
Sapesse la gente cristiana,  
k’è sconoscente e villana  
gustar da te, dolze fontana,  
d’amarte più gran sete avarea.  
 
Avénte per nostra richeza,  
volénte, sovrana belleza:  
ki tua non sente dolceza,  
tropp’è la sua vita ria.  
 
Ria vita dei peccatori  
che non pensano nelli lor cori:  
de tanto gaudio son fuori  
ke lingua contar nol porrea.  
 
Potrebber’aver per amanza  
e tutta sentir delectanza  
chi ben ti portasse lianza  
nel cuor, sì come dovrea.  
 
Dovrebbe ciascun rifrutare,  
per te, tutto ‘l mondo d’amare,  
a te, dolze madre,  
laudare col più dolze filiol che sia.  
 
Sìate a piacere, gloriosa,  
ki canta tua lauda amorosa  
de farli la mente studiosa  
ke läudi ben, nocte e dia.  
 
Diana stella lucente,  
letitia de tutta la gente,  
tutto ‘l mondo è perdente  
senza la tua vigoria.  
 
Vigorosa potente beata  
per te è questa laude cantata:  
tu se’ la nostra avocata,  
la più fedel ke mai sia.  

Spartito di "Venite a laudare", da musica-sacra-antica.org
Fonte Musica Sacra Antica  
OK
Vai all'indice dei canti del Laudario di Cortona  
OK

 
2021-04-10
Copyright © 2018 Lampadaaimieipassi.it
mf4web_logow