Logo_LAMP_02
Lampada ai miei passi è la tua parola

 

Questo sito web utilizza i cookies
Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web. Se continui ad utilizzare il sito, assumiamo che tu accetti di ricevere i cookie da questo sito web

Sabato 12 Giugno 2021

home OK Articoli
OK
Dal ciel venne messo novello
Canto tratto dal Laudario di Cortona (XIII sec.)  
 
OK

Laudario di Cortona

Dal ciel venne messo novello

 
Dal ciel venne messo novello,  
ciò fo l'angel Gabriello,  
nella cità di Galilea  
(là 'v'era la gente iudea;  
favellavano in lengua ebrea  
in cità et in castello)  
 
ch'è chiamata Naçarèth,  
là u' la vergene nacque et stette.  
Sponsata era a Iosephe  
secondo la legge, coll'anello.  
 
L'angelo fo messo da Dio,  
ben començò et ben finio:  
saviamente, sença rio,  
annuntiò lo suo libello:  
 
«Ave Maria, gratia plena,  
Dio ti salvi, stella serena!  
Dio è con teco che ti mena  
enn-el paradiso bello.  
 
Fra le femene se' benedecta  
più ke null'altra ke sia decta:  
Spirtu sancto sì t'à electa  
per la melior, sença ribello.  
 
Del tuo ventre uscirà tal fructo,  
ke salvirà lo mondo tutto,  
unde 'l diavolo avirà corocto,  
sì parrà grande 'l flagello.»  
 
La donna fo tutta turbata  
(la raina incoronata!)  
et dieisi gran mirata  
di quel ke disse Gabriello.  
 
«Come fie quel che tu ài decto?  
Nol credo a torto né a dritto,  
e ben ne posso far disdetto:  
non cognosco hom, vecchio né fancello.»  
 
L'angelo disse “Non temere,  
tu se' a Dio sì a piacere,  
altra madre non vole avere  
se non voi, con k'io favello.  
 
Filiol di l'Altissimo fie chiamato,  
Iesù Cristo in oni lato:  
per lui fi' 'l mondo salvato  
et tracto de le man del fello.  
 
Tu se' regina et elli è reie;  
virgo Maria, credi a meie:  
non avrà fine, il dico a teie,  
lo so regno altissimo e bello.  
 
Elysabèth tua cognata  
in sua vekieça è 'ngravidata:  
non è impossibile cosa nata  
fare al re Manuello.»  
 
Respose la kiara stella:  
«Io son qui ke so' su' ancella,  
sia secundo la sua favella:  
cusì mi chiamo et apello!»  
 
Questa donna intercedente  
agia merçé de la gente!  
Pregi 'l padre omnipotente  
ke possamo essare con ello.  

Spartito di "Dal ciel venne messo novello", da musica-sacra-antica.org
Fonte Musica Sacra Antica  
OK
Vai all'indice dei canti del Laudario di Cortona  
OK

 
2021-04-10
Copyright © 2018 Lampadaaimieipassi.it
mf4web_logow