Logo_LAMP_02
Lampada ai miei passi è la tua parola

 

Questo sito web utilizza i cookies
Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web. Se continui ad utilizzare il sito, assumiamo che tu accetti di ricevere i cookie da questo sito web

Sabato 12 Giugno 2021

home OK Articoli
OK
Iesù Cristo glorioso
Canto tratto dal Laudario di Cortona (XIII sec.)  
 
OK

Laudario di Cortona

Iesù Cristo glorioso

 
Iesù Cristo glorioso,  
a te sia laude e zechimento,  
ké, per nöi, surreximento  
facesti, victorioso!  
 
Victorioso, el terzo die  
facesti surreximento.  
Per unger le tre Marie  
lo tüo corpo, al monimento  
andar, cum pretios’unguento.  
L’angel dixe: “Nonn-è quie:  
in Galilea, ké surrexio,  
vöi precederà gratioso.”  
 
Gratios’ essendo ‘n via  
apparbe a la Magdalena:  
nell’orto dixe: “Maria!”  
Poi raparbe inn-altra mena.  
A tutti schiarò la serena  
che i pei non se lassò toccare:  
“Git’ad li apostoli contare:  
d’andar a lor so’ desioso.”  
 
Desiose lor contaro  
ciò ke Cristo dect’avea:  
lo lor decto desprezzaro,  
crediano fosse fantasia.  
Poi raparbe ‘n quella dia.  
A’ duo discipuli fe’ cena  
al castello d’Emau: apena  
l’avisar, lo’ fo ascoso.  
 
Ascoso lui, recordarse  
ciò ke ‘ro dixe al camino,  
quando co•llui adunarse  
parendo lor pelegrino.  
Disser: “Bem fo ‘l summo divino!”  
A li apostoli fer conto:  
anco non credetter punto.  
De ciò ognunn-era pensoso.  
 
Pensosi fra lor essendo,  
l’apparbe ‘l Signor verace;  
dixe: “Non andate temendo  
de me, k’io non so’ fallace!  
Sempre aviate in fra voi pace  
et cercate le kiavadure,  
ke le mente aviate pure:  
di me ogn’om sia copioso!”  
 
Copioso si partio,  
pesc’ et à prima mangiato.  
Thomè non v’era, poi redio;  
el convenente i fo contato.  
“Si no i metto li mani êl lato,  
dixe, non ne sarò credente.”  
Poi raparbe solamente  
per lui k’era sì dubitoso:  
 
“Dubitoso e incredulo, viene!”  
Vien’e cerca le mie ferute;  
non sia ‘ncredulo ma fedele  
mai per cose non vedute,  
k’è magiur merito e virtude  
de credar quello k’è absente  
ke de quello k’è presente;  
e ‘n ciel ne fi’ più gaudioso.”  

Spartito di "Iesù Cristo glorioso", da musica-sacra-antica.org
Fonte Musica Sacra Antica  
OK
Vai all'indice dei canti del Laudario di Cortona  
OK
OK

 
2021-04-10
Copyright © 2018 Lampadaaimieipassi.it
mf4web_logow