Logo_LAMP_02
Lampada ai miei passi è la tua parola

 

Questo sito web utilizza i cookies
Utilizziamo i cookie per assicurarci di darti la migliore esperienza sul nostro sito web. Se continui ad utilizzare il sito, assumiamo che tu accetti di ricevere i cookie da questo sito web

Sabato 12 Giugno 2021

home OK Articoli
OK
Amor dolce senza pare
Canto tratto dal Laudario di Cortona (XIII sec.)  
 
OK

Laudario di Cortona

Amor dolce senza pare

 
Amor dolce senza pare,  
se' tu Cristo per amare.  
Amor senza comincianza,  
se' tu Padre in sembianza.  
 
Amor dolce senza pare,  
in Trinità per amanza.  
Amore senza comincianza,  
Filio et Spiritu regnare.  
 
 
Tu, amore ke congiungi,  
cui più ami spesso pungi;  
omni piaga, poi ke l’ungi,  
senza unguento fai sanare.  
 
Dolce amore, tu se' speme;  
ki bene ama sempre teme,  
nasce et cresce del tuo seme  
ke bon fructo fa granare  
 
Amor, tu non abandoni  
ki t’ofende, sì perdoni  
e de gloria encoroni  
ki si sa umiliare.  
 
Amor grande, dolc'e fino,  
increato se' divino:  
tu fai lo saraphyno  
di tua gloria enflammare.  
 
Cherubin' et li alti chori,  
apostoli, gran predicatori,  
martiri et confessori,  
vergene fai iocundare.  
 
Patriarche et prophete  
tu li traesti de la rete;  
di te, amor, avìene gran sete  
mai non si credian satiare.  
 
Or son consolati en tutto  
di te, gaudio cum disducto:  
tu se' canto senza lucto,  
cielo e terra fai cantare.  
 
Dolce amore, di te nasce  
la speranza c'omo pasce,  
unde al peccator tu lasce  
pietanza adimandare.  
 
Poi ke 'n cielo lo intendi,  
tu cortese ke t'arendi,  
tu medesmo sì te spendi,  
ki te vol thesaurizare.  
 
Tu, amore, se' concordia:  
tu se' pace, non discordia;  
per la tua misericordia  
ne venisti a visitare.  
 
Nella croce lo mostrasti  
ke per noi t'umiliasti,  
ai nostri mali non guardasti  
sì te lasciasti conficcare.  
 
Ki de te, amor, ben pensa  
già mai non te farà offensa;  
tu se' frutuosa mensa  
ov'è d'ogne gloriare.  
 
Amor dolze, tanto n'ame  
k'al to regno ben ne kiami,  
satiando d'ogne fame,  
sì se' dolze a gustare.  
 
Amor, pien de caritade,  
tu verace maiestade,  
in cui una deitade  
sempre dovem venerare.  
 
Amor, ben fo digna cosa  
ke 'n tale amanza delectosa  
deità facesti posa  
sovr'ogn'altra d'onorare.  
 
Quella vergene beata  
poi ke fo inamorata  
sempre stecte temorata  
tu la voleste obumbrare.  
 
Amor grande fòr misura,  
di cui nulla creatura  
puote avere in sé natura,  
di te amar si sa scusare.  
 
Dolze amore amoroso  
cum dolzore savoroso,  
di t'è Garzo gaudioso:  
sovr'ogn'altro se' d'amare.  

Spartito di "Amor dolce senza pare", da musica-sacra-antica.org
Fonte Musica Sacra Antica  
OK
Vai all'indice dei canti del Laudario di Cortona  
OK
OK

 
2021-04-10
Copyright © 2018 Lampadaaimieipassi.it
mf4web_logow